Lista delle sezioni presenti in questa pagina:

Musei Civici di Arte Antica
Comune di Ferrara

Casa di Ludovico Ariosto


 

salta il menu di servizio e vai al motore di ricerca
 

salta il motore di ricerca e vai al menu dei servizi
Casa di Ludovico Ariosto
 

salta i contenuti e vai al sommario
Casa di Ludovico Ariosto

AVVISO AI VISITATORI

Dal 1° maggio 2022 per visitare musei e monumenti non è più obbligatorio indossare la mascherina chirurgica, ma l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie rimane comunque fortemente raccomandato, come disposto dall'Ordinana del Ministero della Salute del 28 aprile 2022.

L’obbligo di indossare le mascherine FFP2 rimane invece in vigore per partecipare alle manifestazioni aperte al pubblico assimilabili agli spettacoli che si svolgono nelle sedi museali.

IN EVIDENZA

• Dal 3 marzo PROROGATA all'8 gennaio 2023  Il volto e lo sguardo di Giorgio Bassani di Georges de Canino. 
 Dall'8 gennaio 2022 la FONDAZIONE GIORGIO BASSANI, ospitata al piano terra di Casa Ariosto, aprirà la sede al pubblico ogni mattina del sabato, ogni pomeriggio del venerdì e anche su appuntamento (chiamando il 340 0773526) durante gli orari di apertura di Casa Ariosto. 
• E’ visitabile, nelle tre sale della Fondazione,  l’ importante mostra di Angela Sicilano dal tiolo. La biblioteca di un poeta: dediche, immagini, postille nei libri di poesia di Giorgio Bassani,  

____________________

Casa di Ludovico AriostoUn anno dopo la pubblicazione dell’Orlando Furioso (1516), Ludovico Ariosto oppone al Cardinale Ippolito d’Este un risoluto rifiuto di seguirlo in Ungheria, adducendo a motivazione la salute cagionevole. Ma nel 1522, nonostante la fama acquisita con il Furioso, non può declinare l’incarico di governatore della Garfagnana, conferitogli da Alfonso d’Este per sedare il brigantaggio e le liti fra i valligiani, incarico che lo tiene lontano da Ferrara per tre anni. Al ritorno da Castelnuovo il poeta ha cinquantadue anni e avverte il forte bisogno di ritirarsi in un ambiente domestico rassicurante, che possa ricompensarlo del forzato allontanamento da Alessandra Benucci. 

Questa intima e privatissima esigenza, è espressa nei versi allusivi della VII Satira, diretta dall’amico Bonaventura Pistofilo: Se perché amo sì il nido mi dimandi, / io non te lo dirò più volentieri / ch’io soglia al frate i falli miei nefandi /. Beneficiario già nel 1518 di un mensile di sette scudi assegnatoli dal Duca Alfonso, oltre al vitto per tre persone e due cavalli, acquista da Bartolomeo Cavalieri, con rogito 30 giugno 1526 del notaio Ercole Pistoia, la casa di Contrada del Mirasole. Ai primi di gennaio del 1528 acquista l’area cortiliva attigua alla proprietà per ricavarne un giardino. Attribuito a Girolamo da Carpi, l’edificio subisce su indicazione dello stesso Ariosto le necessarie trasformazioni atte a configurarlo come luogo adibito al ritiro famigliare, appartato e discreto.

Ariosto vi si trasferisce con il figlio Virginio il giorno di San Michele 1529. Alessandra Benucci, di Tito Vespasiano Strozzi, diviene moglie del Poeta fra il 1528 e il 1530, ma resta a vivere nella sua casa in Contrada di Santa Maria in Vado, dove il marito la raggiunge di frequente attraversando la città. Ormai dispensato da incarichi gravosi, Ariosto può dedicarsi alla terza edizione del Furioso, uscita nel 1532 dai torchi tipografici di Francesco Rosso da Valenza con l’aggiunta di sei canti. Assistito da Virginio e dalla moglie, qui si spegne il 6 luglio 1533, all’età di 58 anni.

Casa Ariosto
via Ludovico Ariosto 67 - 44121 Ferrara (clicca qui per la mappa)
• Accedi alle Informazioni per la visita
 

 

 

 
torna al sommario


 
torna al sommario

codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0