Lista delle sezioni presenti in questa pagina:

Ferrara Arte e Cultura
Comune di Ferrara

Nell’età di Bononi La cultura figurativa a Ferrara tra gli Este e la Legazione (1590-1630)


 

salta il menu di servizio e vai al motore di ricerca
 

salta il motore di ricerca e vai al menu dei servizi
Istituto di Studi Rinascimentali
 

sei in: Home page > Ferrara città d'arte e cultura > Istituto di Studi Rinascimentali > Settimane Alti Studi > Nell’età di Bononi La cultura figurativa a Ferrara tra gli Este e la Legazione (1590-1630)
salta i contenuti e vai al sommario
Nell’età di Bononi La cultura figurativa a Ferrara tra gli Este e la Legazione (1590-1630)

Nell’età di Bononi
La cultura figurativa a Ferrara tra gli Este e la Legazione
(1590-1630)
9, 10, 11 novembre 2017
Palazzo Bonacossi, via Cisterna del Follo 5, Ferrara
 
Istituto di Studi Rinascimentali
XX Settimana di Alti Studi

Nell'età di Bononi

In concomitanza con la mostra Carlo Bononi. L’ultimo sognatore dell’Officina ferrarese, che si terrà a Palazzo dei Diamanti, l’Istituto di Studi Rinascimentali ha deciso di dedicare la XX Settimana di Alti Studi ad una stagione poco nota della storia dell’arte, organizzando il convegno Nell’età di Bononi. La cultura figurativa a Ferrara tra gli Este e la Legazione (1590-1630), che si svolgerà nella consueta cornice di Palazzo Bonacossi il 9, 10 e 11 novembre 2017.
 
Se la mostra ha carattere monografico, il convegno intende fare il punto della situazione sulla cultura figurativa a Ferrara, tra la Devoluzione e i primi trent'anni del Seicento.
 
Sul Seicento ferrarese grava il peso di un pregiudizio storico tuttora alquanto radicato: quello di essere stato un secolo minore, rispetto ai fasti cosmopoliti vissuti da Ferrara al tempo degli Este fino al 1598, quando la città passò sotto il controllo papale. Se è vero, infatti, che tale evento determinò l’avvio della dispersione di molti dei capolavori rinascimentali presenti nei palazzi e nelle residenze di corte, è altresì certo che gli anni successivi videro una stagione di rinnovamento artistico senza eguali. La necessità di ricostruire le chiese danneggiate dal terremoto (1570), l’esigenza di adeguare gli spazi sacri alle direttive del Concilio di Trento, la spinta riformatrice dei nuovi ordini religiosi si affiancavano alla concreta presa di possesso della città da parte dello Stato Pontificio e all’affacciarsi sulla scena di una nuova classe dirigente, generando un numero impressionante di nuove commissioni artistiche negli spazi pubblici e privati della città. Tali istanze trovarono nell’ambiente artistico ferrarese, ben lungi dall’aver smarrito la spinta propulsiva degli anni migliori, risposte di assoluto rilievo e originalità coagulandosi attorno alla grandiosa figura di Carlo Bononi e degli altri artisti attivi in città: dai forestieri di grandissimo prestigio come Ludovico Carracci e Guercino, ai locali come, fra gli altri,  Bastianino, Monio, Scarsellino e Catanio.
 
Com’è tradizione dell’Istituto, saranno invitati a partecipare giovani ricercatori, selezionati dal comitato scientifico del convegno sulla base della presentazione di curricula e di ben argomentate proposte di intervento.
Scarica il bando per la borsa di studio: bando_borse_studio_bononi.pdf
 
Il convegno è organizzato dall’Istituto di Studi Rinascimentali, in collaborazione con Ferrara Arte.
Comitato Scientifico: Marco Bertozzi, Francesca Cappelletti, Giovanni Sassu e Cecilia Vicentini.
 
Per informazioni: Claudia Spisani
Istituto Studi Rinascimentali
Via Guoco del Pallone, 15 - 44121 Ferrara
tel 0532 760002/768208  www.comune.fe.it/isr | isr@comune.fe.it
 
 
torna al sommario


torna al sommario

codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0