Lista delle sezioni presenti in questa pagina:

Musei Civici di Arte Antica
Comune di Ferrara

Le Ante d'organo di Cosmè Tura


 

salta il menu di servizio e vai al motore di ricerca
 

salta il motore di ricerca e vai al menu dei servizi
Museo della Cattedrale
 

salta i contenuti e vai al sommario
Le Ante d'organo di Cosmè Tura
Chiesa

Cosmè Tura, San Giorgio e la principessa
Cosmè Tura, San Giorgio e la principessa (1469 circa).

Sono poche le opere che possono vantare, con la forza e la pregnanza che le Ante d’organo di Cosmè Tura possiedono, un significato storico e un valore simbolico tale da trasformarle in emblema di una città se non addirittura in icone di un’intera epoca.

In questa prospettiva, all’altissima qualità di questo capolavoro si unisce la consapevolezza che esso rappresenti una delle poche testimonianze sopravvissute, nel luogo che fu teatro della loro creazione, di un momento cruciale per lo sviluppo della cultura figurativa del Rinascimento.

Le quattro tele di Tura costituivano in origine gli sportelli dell’organo della Cattedrale, realizzato dal celebre maestro Giovanni da Mercatello, in origine collocato al centro dell’abside e successivamente spostato nell’ottava arcata della navata centrale.

I dipinti rimasero legati alla cassa lignea fino al XVIII secolo, quando l’organo quattrocentesco fu sostituito da un nuovo strumento. Come sappiamo dai documenti, le tele furono pagate al pittore nel giugno 1469: questa data appare cruciale per la ricostruzione della parabola artistica del celeberrimo caposcuola della “officina ferrarese”.

L’attuale disposizione museale, che consente la visione unitaria delle quattro opere, non rispecchia l’originaria collocazione delle opere: le due ante infatti, dipinte all’interno e all’esterno, erano destinate ad essere aperte e chiuse, in relazione all’utilizzo dell’organo. A sportelli aperti erano visibili, a sinistra, l’Angelo annunciante, e a destra, la Vergine annunciata. Ad ante chiuse, invece, i fedeli potevano ammirare il grandioso San Giorgio e la principessa, una delle scene più drammatiche mai dipinte in Italia nel Quattrocento.

Nonostante l’inscurimento tipico delle tele dipinte a tempera grassa, l’opera testimonia ancora oggi tutta la potenza espressiva e la straordinaria fantasia rappresentativa di Cosmè Tura. La grandezza dell’artista ferrarese si coglie appieno in brani come la sconvolta principessa che fugge via terrorizzata, adorna di preziosi monili che riecheggiano le arti suntuarie così amate dagli Estensi, o nell’indimenticabile San Giorgio, il cui cavallo imbizzarrito ha la stessa lucentezza materica delle sculture bronzee di Niccolò Baroncelli e di Domenico di Paris, attivi in quegli anni a Ferrara anche nella stessa Cattedrale.

Cosmè Tura, Angelo annunciante Cosmè Tura, Madonna annunciata
Cosmè Tura, L'Angelo annunciante e la Madonna annunciata (1469 circa).
 
torna al sommario


 
torna al sommario

codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0
© Museo della Cattedrale, Ferrara | Ultimo aggiornamento: 25-07-2013 | Note legali | Numero visitatori: 6506