Lista delle sezioni presenti in questa pagina:

Musei Civici di Arte Antica
Comune di Ferrara

Gli arazzi con le Storie dei santi Giorgio e Maurelio


 

salta il menu di servizio e vai al motore di ricerca
 

salta il motore di ricerca e vai al menu dei servizi
Museo della Cattedrale
 

salta i contenuti e vai al sommario
Gli arazzi con le Storie dei santi Giorgio e Maurelio
Chiesa

Tra le opere esposte nel Museo della Cattedrale, il ciclo di arazzi con le Storie dei santi Giorgio e Maurelio s’impone per le monumentali dimensioni e per l’importanza liturgica e religiosa.

Unica serie conservatasi integralmente di panni tessuti a Ferrara in età rinascimentale, essa fu realizzato dall’arazziere fiammingo Johannes o Giovanni Karcher, chiamato insieme al fratello a lavorare alla corte estense, presso la quale prestò servizio fino alla morte di Ercole II (1559).

La diffusione della moda di adornare i propri palazzi con paramenti tessili istoriati s'inquadra in un processo che interessò l’intera Europa del XVI secolo e che vide i principi e i mecenati del sistema delle corti impiantare nelle loro città manifatture affidate a maestri arazzieri provenienti dalle Fiandre.

Talvolta questi centri di produzione assunsero incarichi anche esterni agli ambienti cortigiani. È il caso degli otto panni con le Storie dei santi Giorgio e Maurelio la cui commissione spetta al Capitolo Metropolitano, il quale ne affidò l’esecuzione a Karcher il 15 ottobre 1550. L’obiettivo era quello di dotare la Cattedrale di sontuosi paramenti da esporre lungo la navata durante le festività dei due santi Patroni della città (dal 24 aprile al 7 maggio).

Johannes Karcher, San Giorgio subisce il supplizio dell'albero
Johannes Karcher (su disegno di Camillo Filippi), San Giorgio subisce il supplizio dell'albero (1552).

I cartoni preparatori furono elaborati dai pittori Benvenuto Tisi detto Garofalo e Camillo Filippi per la parte narrativa, e da Luca di Fiandra, detto anche Luca Fiammingo, per quanto attiene le bordure.

L’estrema chiarezza iconografica, la narrazione pacata, l’assenza di vera drammaticità, sono conformi alla funzione di devozionalità popolare che le grandi scene dovevano assolvere.

I documenti non chiariscono come i due pittori si siano divisi il lavoro, ma la critica appare concorde nell’assegnare integralmente al Filippi l’ideazione delle Storie di san Giorgio e al Garofalo quella delle Storie di san Maurelio; fa eccezione l’episodio raffigurante Il popolo e il clero di Ferrara che accolgono san Maurelio, che presenta forti analogie con le scene approntate da Camillo Filippi.

Le storie sono incorniciate da ricche bordure che riprendono motivi tipici del repertorio decorativo manierista di metà secolo: festoni di frutta, putti alati, animali simbolici, misteriose presenze umano-vegetali e fantastiche chimere, con ovali monocromi in cui si vedono episodi minori della vita dei due santi.
 
torna al sommario


 
torna al sommario

codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0
© Museo della Cattedrale, Ferrara | Ultimo aggiornamento: 26-10-2014 | Note legali | Numero visitatori: 4524