Lista delle sezioni presenti in questa pagina:

Musei Civici di Arte Antica
Comune di Ferrara

La chiesa di San Romano


 

salta il menu di servizio e vai al motore di ricerca
 

salta il motore di ricerca e vai al menu dei servizi
Museo della Cattedrale
 

salta i contenuti e vai al sommario
La chiesa di San Romano

La facciata della chiesa di San Romano in una foto degli anni Trenta Già esistente nel 990, la chiesa venne amministrata dapprima dai Benedettini dell’abbazia di Fruttuaria, poi dai canonici regolari di Sant’Agostino.

Nel 1287 gli Este, che ne assunsero il patronato nel 1230, avviarono una totale ristrutturazione cui ne seguirà un’altra nel 1407.

Il chiostro presenta una sequenza di colonnine sovrastate da capitelli, i più antichi dei quali risalenti al X secolo. L’antica pavimentazione è tutt’ora esistente e si trova a circa 1,50 metri sotto l’attuale livello.

Nel 1487, Folco d’Este fece ristrutturare la chiesa e il chiostro, sopraelevandoli e aggiungendo sulla facciata e sui prospetti laterali gli elementi decorativi in cotto tuttora visibili.

La chiesa venne nuovamente restaurata alla fine del Cinquecento ed ampliata nel 1619. Fu oggetto di nuove modifiche nel 1754 per volontà del cardinale Crescenzi, il quale fece anche ricostruire l’altare che custodiva il corpo di San Romano.

Nel 1796 la chiesa fu soppressa e passò al Demanio, per poi essere donata, con decreto del 1808, alla Municipalità di Ferrara che la destinò a prigione per i colpevoli di brigantaggio. Nel 1811 fu venduta a privati e da questi adibita a magazzino di ferramenta, uso che mantenne fino all'inizio degli anni Cinquanta del Novecento, benché fosse stata acquistata dal Comune nel 1941 insieme al chiostro.

Il 5 giugno 1944, durante un’incursione aerea, il chiostro, la chiesa e alcuni fabbricati annessi furono bombardati riportando danni gravissimi.

Il chiostro di San Romano negli anni QuarantaNegli anni Cinquanta, la chiesa venne poi completamente liberata dalle costruzioni che si addossavano ai prospetti e restaurata esternamente, mentre il chiostro fu ricostruito tra il 1951 e il 1954.

Negli anni Settanta fu ripulita la facciata, vennero sostituite le strutture lignee del tetto e furono restaurati gli affreschi del XIV secolo presenti all'interno. Nel frattempo, San Romano cominciò ad essere utilizzata come sede espositiva per mostre temporanee; contemporaneamente venne ipotizzata per la prima volta una sua rifunzionalizzazione come sede del Museo della Cattedrale, proposito poi realizzato alla fine del 2000.

Nel 1986 scavi archeologici esterni alla chiesa misero in luce tracce di due piccole absidi semicircolari situate ai lati di quella centrale, poi ricostruite in sede di restauro, e una serie di tombe, a testimonianza dell’utilizzo dell’area come spazio sepolcrale fino al 1514, quando il cimitero attorno alla chiesa fu soppresso.
 
torna al sommario


 
torna al sommario

codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0
© Museo della Cattedrale, Ferrara | Ultimo aggiornamento: 12-06-2013 | Note legali | Numero visitatori: 5710